La ricerca che cambia. Secondo convegno nazionale dei dottorati italiani dell’architettura, della pianificazione e del design

lrcc

La ricerca che cambia. Secondo convegno nazionale dei dottorati italiani dell’architettura, della pianificazione e del design
1-2 dicembre 2016
Scuola di Dottorato Iuav
Palazzo Badoer, San Polo 2468

Promosso da
Scuola di dottorato Iuav, Università Iuav di Venezia

A cura di
Lorenzo Fabian e Mauro Marzo


Di fronte ad un mondo sempre più complesso e in rapida trasformazione, i recinti disegnati dalle discipline tradizionali e dai sistemi di valutazione della produzione accademica sono chiamati sempre più spesso a confrontarsi con questioni che attraversano le compartimentazioni tra i saperi.

Osservare tali questioni dai diversi punti di vista disciplinari consente di restituirne visioni inedite, ipotizzando scenari degli studi dottorali in cui le sfide del presente possano essere affrontate a partire dalla condivisione di competenze, dall’ibridazione degli approcci e dalla ricerca comune di prefigurazioni per il futuro. Obiettivo della call è raccogliere il meglio delle ricerche dottorali dell’architettura, della pianificazione, del design, e porle entro cornici di senso più ampie, capaci di fare emergere i modi del cambiamento, la transcalarità degli sguardi, i possibili percorsi dell’interdisciplinarità.

Nel riprendere la discussione avviata due anni fa attorno alle prospettive generali dei dottorati italiani nei settori dell’architettura, della pianificazione e del design, al livello e ai contenuti della produzione scientifica dottorale in questi ambiti, e al rapporto fra la ricerca e la realtà territoriale e produttiva del paese, la seconda edizione del convegno La ricerca che cambia si pone tre obiettivi:

1. costruire una mappatura dei temi di ricerca in corso nelle varie sedi, proporne alcune interpretazioni e discutere insieme ai coordinatori o ai loro delegati delle modalità di costruzione e funzionamento di un osservatorio della ricerca dottorale in Italia nelle discipline dell’architettura, della pianificazione e del design;

2. avviare un confronto sulla nuova definizione dei Dottorati Innovativi e in generale sulle indicazioni relative ai dottorati presenti nel PNR 2015-2020 (Piano Nazionale della Ricerca);

3. illustrare e discutere, in sessioni parallele, 60 tesi di dottorato in fase di elaborazione avanzata (fine secondo anno, terzo anno) o ultimate da non più di tre anni (cioè non dopo il 1° agosto 2013) selezionate attraverso un meccanismo di blind review organizzato sulla base delle competenze disciplinari dei valutatori.

Maggiori informazioni a questo link

Scarica la call for paper